RSS widget Please display the above link in your web page according to Terms of Service. end feedwind code
Autore, compositore, e sound designer, si dedica alla sperimentazione delle potenzialità drammaturgiche del suono, con una particolare attenzione all'interazione tra musica concreta, elettronica e acustica. Dopo la maturità classica si laurea con lode in Dams Musica presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università di Bologna, con una tesi in Filosofia della Musica, relatore Paolo Gozza. Consgue inoltre il Diploma FSE di Sound Engineer presso i Fonoprint Recording Studios di Bologna, studiando con Maurizio Biancani, il Master in Produzione Audio Multicanale e Surround presso la Scuola di Alto Perfezionamento Musicale di Saluzzo, e infine il Diploma di Scrittura Televisiva della Bottega Finzioni di Bologna, con docenti come Ermanno Cavazzoni, Carlo Lucarelli, Giuliana Catamo e Paolo Taggi. Dal 2001 al 2006 è compositore, musicista e sound designer nel collettivo musicale internazionale Nihil Project, con cui pubblica tre album collaborando con artisti del calibro di Brian Godding (Blossom Toes), Embryo, Arturo Stalteri, Claudio Rocchi, Mino di Martino, Giampiero e Arlo Bigazzi, Andrea Chimenti, Steve Sylvester (Death SS). Nel 2003 collabora come fonico e assistente di palco con il compositore e percussionista Andrea Centazzo per la realizzazione di performance multimediali dal titolo “Ancient Future, for percussion & electronics”. Nel 2006 lavora a Londra come sound designer presso Iguana Studio e come music promoter presso Curious Generation. Dal 2007 al 2010 collabora come sound designer con Studio Arkì di Bologna. In seguito lavora con videomaker, performer e registi nonchè con diverse realtà di produzione multimediale e cinematografica (Maxman coop, IBC movie, Antoniano, Luis.it, Articolture, Visionarie, Film for Breakfast, Mikado films, Mon Amour Film, Spritz Movie, Humareels, Giostra Film, etc.), occupandosi di composizione musicale, sound design e sound editing. Come songwriter ha pubblicato due album solisti per l'etichetta discografica Reincanto Dischi: “La via della seta” (2011) e “L'Alternativa” (2014). Dal 2013 è membro fondatore della compagnia teatrale Teatro dei Servi Disobbedienti (TSD) per la quale si occupa di musiche di scena, sound design e drammaturgia, in stretta collaborazione con la regista e scenografa Fedrica Amatuccio. Dal 2013 con il TSD ha prodotto e portato in scena gli spettacoli “Gocce di Splendore” (2013), “Fimmina Morta” (2014), “Mille modi per crepare in montagna” (2015) e “Marì” (2016) e il workshop “Il Cattivo Nuovo” (2017). Con il TSD partecipa nel 2015 e 2016 a due residenze presso gli spazi ERT di Villa Pini a Bologna e nel maggio 2017 alla residenza internazionale “Finestre sul giovane teatro” presso il Teatro Ridotto di Bologna. Nell'estate 2014 Andrea Gianessi con i brani tratti da “L'Alternativa” viene selezionato per il premio “L'Artista che non c'era”, menzionato per il “Premio Bruno Lauzi”, ed è tra i semifinalisti del “Premio Fabrizio De André”. Con il brano “Joinery and harmony” nel 2016 è inoltre tra i vincitori della call internazionale per sound designer “Soundtales”. Dal 2017 è nella direzione artistica della sezione teatro del Poverarte Festival di Bologna.
Autore, compositore, e sound designer, si dedica alla sperimentazione delle potenzialità drammaturgiche del suono, con una particolare attenzione all'interazione tra musica concreta, elettronica e acustica. Dopo la maturità classica si laurea con lode in Dams Musica presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università di Bologna, con una tesi in Filosofia della Musica, relatore Paolo Gozza. Consgue inoltre il Diploma FSE di Sound Engineer presso i Fonoprint Recording Studios di Bologna, studiando con Maurizio Biancani, il Master in Produzione Audio Multicanale e Surround presso la Scuola di Alto Perfezionamento Musicale di Saluzzo, e infine il Diploma di Scrittura Televisiva della Bottega Finzioni di Bologna, con docenti come Ermanno Cavazzoni, Carlo Lucarelli, Giuliana Catamo e Paolo Taggi. Dal 2001 al 2006 è compositore, musicista e sound designer nel collettivo musicale internazionale Nihil Project, con cui pubblica tre album collaborando con artisti del calibro di Brian Godding (Blossom Toes), Embryo, Arturo Stalteri, Claudio Rocchi, Mino di Martino, Giampiero e Arlo Bigazzi, Andrea Chimenti, Steve Sylvester (Death SS). Nel 2003 collabora come fonico e assistente di palco con il compositore e percussionista Andrea Centazzo per la realizzazione di performance multimediali dal titolo “Ancient Future, for percussion & electronics”. Nel 2006 lavora a Londra come sound designer presso Iguana Studio e come music promoter presso Curious Generation. Dal 2007 al 2010 collabora come sound designer con Studio Arkì di Bologna. In seguito lavora con videomaker, performer e registi nonchè con diverse realtà di produzione multimediale e cinematografica (Maxman coop, IBC movie, Antoniano, Luis.it, Articolture, Visionarie, Film for Breakfast, Mikado films, Mon Amour Film, Spritz Movie, Humareels, Giostra Film, etc.), occupandosi di composizione musicale, sound design e sound editing. Come songwriter ha pubblicato due album solisti per l'etichetta discografica Reincanto Dischi: “La via della seta” (2011) e “L'Alternativa” (2014). Dal 2013 è membro fondatore della compagnia teatrale Teatro dei Servi Disobbedienti (TSD) per la quale si occupa di musiche di scena, sound design e drammaturgia, in stretta collaborazione con la regista e scenografa Fedrica Amatuccio. Dal 2013 con il TSD ha prodotto e portato in scena gli spettacoli “Gocce di Splendore” (2013), “Fimmina Morta” (2014), “Mille modi per crepare in montagna” (2015) e “Marì” (2016) e il workshop “Il Cattivo Nuovo” (2017). Con il TSD partecipa nel 2015 e 2016 a due residenze presso gli spazi ERT di Villa Pini a Bologna e nel maggio 2017 alla residenza internazionale “Finestre sul giovane teatro” presso il Teatro Ridotto di Bologna. Nell'estate 2014 Andrea Gianessi con i brani tratti da “L'Alternativa” viene selezionato per il premio “L'Artista che non c'era”, menzionato per il “Premio Bruno Lauzi”, ed è tra i semifinalisti del “Premio Fabrizio De André”. Con il brano “Joinery and harmony” nel 2016 è inoltre tra i vincitori della call internazionale per sound designer “Soundtales”. Dal 2017 è nella direzione artistica della sezione teatro del Poverarte Festival di Bologna.
MUSIC
THEATRE
SOUND DESIGN